Find all hotels and other accommodation facilities

Language

Sulla strada del Cannonau

Un giro tra i monti del Gennargentu, alla ricerca dei migliori vini da gustare con porceddu e salsicce

Itinerario da Olbia a Siniscola
  Itinerario da Olbia a Siniscola

Sulla strada

Da Olbia le strade tagliano il cuore verde dell'isola guidando il turista sino a Nuoro. Questa città , centro principale della Barbagia, si allarga ai piedi del Monte Ortobene. I piatti in tavola sono quelli tipici della tradizione locale: minestra al finocchio selvatico, porceddu e pecora in umido. In materia di dolci meritano l'assaggio golosità  come il torrone e l'aranzada, ovvero il dolce nuziale barbaricino: piccoli canestrini preparati con la buccia d'arancia candita, le mandorle e il miele. Dai pascoli alti del Gennargentu arrivano diversi tipi di salsicce - molto buona quella aromatizzata all'aglio e al vino - e i prosciutti di pecora. Tra i formaggi, il casizolu e la fresa, dal sapore acidulo: conosciuto fin dai tempi dei Romani, é rimasto nella tradizione dell'isola.

Selvaggina

Dopo Nuoro ci si dirige a Dorgali, una cittadina distante pochi chilometri dal mare e con la cucina ricca dei prodotti della terra. La tavola é animata dalle speciali pietanze a base di selvaggina. Nei negozi si comprano i formaggi genuini, l'olio e il vino. Uno dei vanti di Dorgali é il celebre Cannonau, un rosso dai profumi intensi di frutta rossa, spezie e note balsamiche. Il suo gusto é secco e sapido.

Il regno

La strada che conduce a Siniscola taglia in due una vasta area di fitti vigneti. Qui maturano grandi vini: il Monica, dal colore intenso e rubino, il Moscato, dolce dal gusto aromatico, il Vermentino, re dei vini sardi, e il Sardegna Semidano, dal profumo floreale.

LA RICETTA: aragosta con agrumi e pomodori

Dopo aver cotto le aragoste al vapore se ne estrae la polpa e la si taglia a dadini. Durante la cottura si sono preparati cubetti non molto grandi di arance, limoni e pomodori (meglio se non troppo maturi) senza togliere le bucce. A questi si aggiungono, in una terrina, un pò di passata di pomodoro, i capperi, l'alloro, l'origano e il prezzemolo tritato. Sul piatto di portata, infine, la polpa di aragosta viene ricoperta con il composto della terrina. Lasciar così riposare 20 minuti prima di servire in tavola.

Cerca gli hotels nelle seguenti località dell´itinerario

Consodata S.p.A. Cap. Soc. Euro 2.446.330 - Sede legale Roma - Via Mosca 43-45 - CAP 00142
Registro Imprese di Roma e Codice Fiscale n. 07902440010 e Partita IVA n. 06645501005