Find all hotels and other accommodation facilities

Language

Castelsardo, ceste da museo

L'arte di intrecciare il giunco e la palma nana é documentata nell'importante cornice del castello di Castelsardo. Le botteghe artigiane oggi moltiplicano l'offerta di cesti, vimini lavorati e altri preziosi oggetti d'arredamento

Castelsardo
  Castelsardo

Castelsardo, ceste da museo

Un tempo i cesti intrecciati a mano dagli artigiani sardi erano utilizzati per il trasporto delle merci e soprattutto dei pesci da vendere lungo la costa. Poi vennero i cesti da decorazione, che oggi tengono banco nelle vetrine dei negozi turistici per l'elegante capacità  di arredare gli ambienti rustici ma anche le cucine, le stanze da lavoro, oppure gli appartamenti di città . Li si trova abbondantemente nel Golfo dell'Asinara e in modo speciale a Castelsardo dove il Museo dell'intreccio Mediterraneo invita a conoscere varie tipologie di manufatto presso l'antico castello della famiglia Doria (XII sec.).

Pastori e pescatori

Il Museo di Castelsardo conserva contenitori intrecciati dagli artigiani in vari paesi del bacino mediterraneo, ma soprattutto in Sardegna dove fino a qualche decennio fa era frequente trovare donne e uomini abilissimi nell'intrecciare il fieno e la palma nana, le canne, il giunco e la rafia. Con movimenti rapidi sapevano creare oggetti di ogni dimensione e forma, ora esposti nelle sale del castello secondo le diverse funzioni che essi svolgevano: pastorizia, pesca oppure panificazione, attività  tipica di Castelsardo.

Navigando sul giunco

Non solo ceste si osservano nel Museo di Castelsardo, ma altri insoliti oggetti intrecciati, come ad esempio i "su fassonis" di Oristano: piccole barche appuntite nella prua, tronche nella zona di poppa. Non diversamente dagli altri oggetti esposti al pubblico anche le barche sono realizzate intrecciando grossi fasci di fieno palustre e legandolo con fasci di giunco: sono in grado di navigare bene con la spinta di remi o di una pertica manovrata dal barcaiolo. Tutti gli oggetti intrecciati devono la propria bellezza al colore naturale, tipicamente bruno della materia prima; solo in qualche caso gli artigiani li impreziosiscono con piccole decorazioni geometriche o ispirate a soggetti contadini.

Nel Castello

Nei mesi di luglio e agosto il Museo dell'Intreccio Mediterraneo di Castelsardo é aperto ogni giorno dalle 9 alle 24. è allestito presso il Castello dei Doria in via Marconi (tel. 079 471380).

Cerca gli hotels nelle seguenti località dell´itinerario

Consodata S.p.A. Cap. Soc. Euro 2.446.330 - Sede legale Roma - Via Mosca 43-45 - CAP 00142
Registro Imprese di Roma e Codice Fiscale n. 07902440010 e Partita IVA n. 06645501005