Find all hotels and other accommodation facilities

Language

I quattro crateri

Le "bocche" attive dell'Etna documentano la vitalità  di questo vulcano che spesso torna a eruttare. Nei periodi di quiete é meta di affascinanti escursioni

Itinerario Parco Nazionale dell'Etnea
  Itinerario Parco Nazionale dell'Etnea

I quattro crateri

Vari sentieri alla portata di tutti consentono di esplorare le pendici vulcaniche dell'Etna, nel grande Parco Naturale in provincia di Catania. La zona di Adrano, per esempio, invita a percorrere sul versante sud-occidentale del cono montuoso alcune panoramiche strade sterrate fino al rifugio forestale della Galvarina (3 ore): si giunge sul posto seguendo la provinciale 92 (Adrano-Monte San Leo) fino alla deviazione per Monte Intraleo; l'itinerario si sviluppa fra fiori e ginestre, poi all'interno di una pineta, infine presso evidenti colate vulcaniche, piante di pino laricio e vecchi crateri spenti con vista sulla parete occidentale dell'Etna, contrassegnata da profondi canaloni. Sul versante opposto del vulcano si sviluppa il sentiero che in un'ora e mezza (180 metri di dislivello) si allontana dall'abitato di Zafferana e avanza verso il fronte della colata lavica del 1991/1993: centinaia di milioni di metri cubi di lava depositata da un'eruzione che si protrasse addirittura 473 giorni. Cinque piliere di pietra segnalano lungo il sentiero particolari punti di osservazione in un ambiente decisamente selvaggio e primordiale.

Le bocche eruttive

Oltre 1400 specie vegetali vivono sulle pendici dell'Etna: per esempio querce, faggi, pini, lecci, betulle, castagni e varie tipologie di fiori. Parliamo del più alto vulcano d'Europa (3346 metri): un colosso di diametro alla base pari a 40 chilometri e circonferenza attorno ai 250 chilometri. Le valli limitrofe sono dominate dallo scenario di formazioni laviche e crateri spenti, mentre la zona superiore conserva quattro crateri sommitali eruttivi: Bocca Nuova, Centrale, Sud-Est, Nord-Est.

La Grotta Burò

Tra Randazzo e Maletto (versante nord occidentale del vulcano) si segnala un sentiero da imboccare sulla SS. 120 per raggiungere in un'ora la suggestiva zona della Grotta Burò (140 metri di dislivello).

Immensi boschi

I boschi più estesi della Sicilia sorgono nel Parco dei Nebrodi, a nord di Randazzo (tel. 0941 793904): fu istituito nel 1993 per tutelare questo prezioso patrimonio naturale. A sud di Randazzo si estende il Parco vulcanico dell'Etna.

La Circumetnea

Da Catania a Riposto si sviluppa lo spettacolare tragitto della ferrovia Circumetnea (tel. 095 541111), uno dei modi migliori per osservare le pendici del vulcano.

Cerca gli hotels nelle seguenti località dell´itinerario

Consodata S.p.A. Cap. Soc. Euro 2.446.330 - Sede legale Roma - Via Mosca 43-45 - CAP 00142
Registro Imprese di Roma e Codice Fiscale n. 07902440010 e Partita IVA n. 06645501005